Castello di Verrès e la Prevostura di Saint Gilles

QUANDO:  tutto l’anno
PER CHI:   ama l’architettura medievale
PERCHE
‘:  la mulattiera è molto bella a livello paesaggistico e offre scorci suggestivi 
DURATA:   40 minuti per una visita approfondita interna e 20 minuti per una visita esterna

ORARI e GIORNI DI APERTURA

 

Quando basta un solo spazio, benché sia molto grande e comodo, ecco sorgere la nuova tipologia di castello, il monoblocco, compatto e solido come una fortezza.

Un castello forse “magico” vista la sua forma perfetta di cubo misurante 30 m. per lato, dove tutto rimanda al quadrato.

La sua posizione strategica strapiombante all’imbocco della Val d’Ayas, fa si che per raggiungerlo si abbia la possibilità di salire lungo una bella mulattiera, per riuscire ad ammirarlo nella sua vera eleganza sia architettonica che decorativa, da lasciare a bocca aperta.

Una fitta serie di beccatelli disposti lungo tutto il perimetro del maniero, incorniciano il sottotetto, raffinate finestre a bifora e poi a crociera, sono il frutto della campagna decorativa voluta inizialmente da Ibleto di Challant nel XIV° secolo  per abbellire la sua dimora militare.
Lo spettacolo continua all’interno, dove insieme ammireremo grandissimi archi in pietra, massicci, trasformarsi in rampe, le basi di grandi scaloni che conducono ai piani superiori.

Il castello è strettamente legato ad una figura femminile, la coraggiosa Caterina di Challant, che da decenni viene rievocata nel Carnevale storico del paese, uno dei più importanti della regione.

 

LA PREVOSTURA DI SAINT GILLES

L’antichissimo monastero sorge accanto all’abitato ai piedi della rocca fortificata.

Percorrendo con pochi passi la salita dell’antica mulattiera che conduceva verso Challant, ci ritroveremo nelle piccole stradine laterali del borgo di Verrès, dove l’atmosfera del luogo sembra sospesa nel tempo.
La vista viene rapita dalla alta torre tardo medievale dalla quale si protraggono i gargoyles ornamentali.

Il complesso architettonico, già citato da fonti documentarie con esistenza sin dal 912 d.C., è il risultato di numerose modifiche ed abbellimenti avvenuti in un millennio di storia.
Adiacente alla prevostura, all’interno della chiesa parrocchiale, venne collocata agli inizi del XV° sec. la Cappella sepolcrale del grande uomo d’arme Ibleto di Challant, Signore di Verrès, Issogne e di molte altre giurisdizioni nel territorio valdostano.

Magnifica è la realizzazione dell’elegante monofora in stile gotico che si affaccia sulle stradine.

Nel maggio 1800 inoltre, il convento ospitò per la notte, Napoleone Bonaparte, sceso con le sue truppe dal Gran San Bernardo, per dare inizio alla sua seconda Campagna d’Italia.
Fu proprio il condottiero francese, nel 1802, a volere la soppressione della comunità di Saint-Gilles che fu ristabilita soltanto nel 1816.

Informazioni

Tutti i castelli sono adatti alle visite di gruppi, e a quelle didattiche.
Prenota o contattami per qualsiasi informazione

Altri castelli…

Forte di Bard e borgo medievale

Una fortezza tutta ottocentesca che accoglie e non ostacola più nessuno in quanto divenuta il maggior Polo museale e culturale della Regione, simbolo di apertura, e di divulgazione…

leggi tutto

Castello di Fénis

E’ uno dei castelli più visitati della Valle d’Aosta. L’apparato muraio difensivo molto scenografico, e le altre torri merlate infatti fanno da attrattori per chiunque si avvicini alle sue basse pendici…

leggi tutto

Castello di Issogne

Giungendo dalla strada principale quasi non ci si rende conto di arrivare sino ai piedi di un maniero, il più raffinato ed elegante della Valle d’Aosta medievale. Nessun muro merlato, ne…

leggi tutto

Sarriod de la Tour

Se per gli storici del tempo poteva sembrare “disordinato” a livello architettonico, il Castello “Sarriod de la Tour” affascina oggi proprio per il suo aspetto massiccio realizzato…

leggi tutto

Castello di Sarre

Delle moderne residenze del Ducato e poi Regno dei Savoia in Valle d’Aosta, tra ‘800 e ‘900, fa parte il ben più antico castello di Sarre. La sua ottima posizione di controllo della…

leggi tutto

Castel Savoia

Qui a Gressoney Saint Jean, tra queste mura circondate dalle alte e bianche vette del Massiccio del Monte Rosa che superano i 4000 metri tutto parla di Lei: Margherita, prima Regina d’Italia…

leggi tutto

Castello Gamba e il Parco

L’elegante edificio moderno chiamato Castello Gamba oggi sede della Pinacoteca regionale, fu dimora dell’omonima famiglia e venne fatto costruire nel 1903…

leggi tutto