Forte di Bard e borgo medievale

QUANDO:  tutto l’anno, esclusi alcuni periodi di chiusura invernale
PER CHI:   ama la storia militare e l’architettura
DURATA:   60 minuti per una visita approfondita esterna
CONSIGLIO: da non perdere il punto panoramico con vista sul fondo valle                                                      ORARI e GIORNI DI APERTURA

 

Una fortezza tutta ottocentesca che accoglie e non ostacola più nessuno in quanto divenuta il maggior Polo museale e culturale della Regione, simbolo di apertura, e di divulgazione.

Tutto questo è oggi il grandioso insieme di bastioni che potremo ammirare arrivando alla “stretta” del fondo Valle.
Dell’antico castello del 1034, il primo citato in Valle d’Aosta, non rimane traccia se non nei documenti storici.  Appartenuto per circa sei secoli, a partire dal 1242, ai Savoia, modificò nel tempo il suo aspetto originario diventando una fortezza tardo seicentesca e benché molto più piccola dell’odierna, si dimostrò dura avversaria per l’esercito di Napoleone che vi giunse due secoli dopo.

Nel maggio 1800 infatti, durante la seconda Campagna d’Italia, “l’Armée de Réserve” venne ostacolata dai 400 soldati del Forte, nell’unico passaggio possibile all’artiglieria: il borgo.
Poco valse al termine della sconfitta, “l’onore alle armi” ottenuto dagli austro-piemontesi, in quanto il loro baluardo venne rapidamente fatto radere al suolo dall’offesa francese.

Venne fatto interamente ricostruire nel 1830, in soli otto anni, grazie al timore del Re di Sardegna Carlo Felice ma a seguito di un incessante declino a partire della fine del XIX° sec. che lo portò a diventare magazzino poi prigione militare venne pian piano smilitarizzato ed in seguito abbandonato. Il Forte che visitermo oggi è il risultato di un grande progetto di riqualificazione per la creazione di un grande Polo culturale.

 

IL BORGO MEDIEVALE

QUANDO:  tutto l’anno
PER CHI:   ama l’architettura medievale
PERCHE
‘:  il tracciato è antico e fa parte della Via romana delle Gallie e della Via Francigena
DURATA:   60 minuti per una visita approfondita esterna
CONSIGLIO: da non perdere la visita del Palazzo “Nicole” con i fori di proiettile sull’intonaco esterno, risalenti al passaggio di Napoleone

 

Una millenaria storia di attraversamenti! Da percorso obbligato quale fu in epoca romana la Via delle Gallie, a luogo fortificato e sicuro cinto da mura merlate nel medioevo, questo luogo fu l’anima di scambi, commerci e pellegrinaggi.

Il borgo di Bard conserva un’anima più antica di quella che ci svela nei suoi bellissimi edifici medievali molto ben conservati.
Non sfuggiranno ai vostri occhi le finestre a bifora ed a crociera, stemmi e meridiane.

Un luogo dall’anima antica e dal fascino silenzioso aspetta di essere percorso insieme.

 

MUSEO DELLE ALPI

Il “Museo delle Alpi“, all’interno del Forte di Bard, è un museo contemporaneo e dinamico che vuole raccogliere una sfida, (ben riuscita) quella di condensare le particolarità di uno dei patrimoni dell’umanità, il lungo arco alpino in tutti i suoi aspetti:  naturale, antropologico e contemporaneo, frantumando lo stereotipo della montagna solo naturale.

Le sezioni del percorso visita si dividono per temi, una parte naturale, una  antropologica e contemporanea, frantumando lo stereotipo della montagna solo naturale.

Attraverso sezioni tematiche, video, allestimenti scenografici, suoni della natura e profumi la nostra visita si svilupperà attraverso le 29 sale del museo, immersi in una realtà emozionante e particolare.

Il percorso è adatto anche ad ogni ordine e grado di scuole e la sua visita può essere integrata come approfondimento tematico legato ai numerosi aspetti della montagna come le sue preziose risorse esauribili ed i suoi sistemi fragili.

 Adatto inoltre a persone con disabilità motoria in quanto si sviluppa in piano ed è raggiungibile grazie agli ascensori interni.

LE PRIGIONI DEL FORTE

Sotto la grande Piazza d’Armi si cela un segreto… le prigioni!
Solo una parte delle numerose e piccole celle di dimensione 1,3 m. x 2,00 è collocata qui lungo quattro angusti corridoi.
Questi bui ambienti furono realizzati modificando e adattando i preesistenti locali adibiti ad uso magazzino.

Poche notizie si hanno circa i detenuti nel corso dei secoli tra queste mura… alcuni vennero imprigionati qui a metà ‘800 nella terza “Insurrection des socques”, altri durante la prima guerra mondiale.

Le Prigioni oggi
Oggi troverete piccole celle aperte e i corridoi luminosi che vi accompagneranno alla scoperta della storia del luogo. Ognuno allestito in forma diversa e tematica. Dalla storia di Bard nei secoli alle ricostruzioni di assedi e battaglie, oltre ai più noti personaggi storici, quali  Napoleone e Cavour.

Da non perdere la proiezione sull’evoluzione del castello a partire dall’anno mille ad oggi!
Questa visita coinvolgente è adatta anche alle scuole, singola o in abbinamento ad altri allestimenti museali.

 

GEO SITO  e  INCISIONI RUPESTRI.

QUANDO:  tutto l’anno
PER CHI:   ama i siti archeologici e la preistoria
PERCHE
‘:  è uno dei siti più ricchi di testimonianze di culto antiche 
DURATA:  30 minuti per una visita approfondita esterna
CONSIGLIO: da non perdere lo “Scivolo delle donne”  

 

Giunti al termine dell’abitato di Bard, ai piedi delle rocce modellate dall’azione dell’antico ghiacciaio Balteo, troveremo un geo-sito archeologico di grande interesse per la storia dell’arte rupestre in Valle d’Aosta.

Scopriremo che la roccia fu la base ideale su cui incidere forme di pensiero, e simboli legati ai culti più remoti. Il geo-sito è sicuramente tra i più rappresentativi del territorio valdostano per la varietà delle incisioni rituali, le più antiche datate neolitico, e per le caratteristiche morfologiche.

Parleremo infatti di coppelle, scivolo delle donne, rocce montonate, e delle cosiddette “marmitte dei giganti”. Un’occasione imperdibile per grandi e piccini.

Informazioni

Tutti i castelli sono adatti alle visite di gruppi, e a quelle didattiche.
Prenota o contattami per qualsiasi informazione

Visitiamo insieme

Castello di Fénis

E’ uno dei castelli più visitati della Valle d’Aosta. L’apparato muraio difensivo molto scenografico, e le altre torri merlate infatti fanno da attrattori per chiunque si avvicini alle sue basse pendici…

leggi tutto

Castello di Issogne

Giungendo dalla strada principale quasi non ci si rende conto di arrivare sino ai piedi di un maniero, il più raffinato ed elegante della Valle d’Aosta medievale. Nessun muro merlato, ne…

leggi tutto

Sarriod de la Tour

Se per gli storici del tempo poteva sembrare “disordinato” a livello architettonico, il Castello “Sarriod de la Tour” affascina oggi proprio per il suo aspetto massiccio realizzato…

leggi tutto

Castello di Sarre

Delle moderne residenze del Ducato e poi Regno dei Savoia in Valle d’Aosta, tra ‘800 e ‘900, fa parte il ben più antico castello di Sarre. La sua ottima posizione di controllo della…

leggi tutto

Castel Savoia

Qui a Gressoney Saint Jean, tra queste mura circondate dalle alte e bianche vette del Massiccio del Monte Rosa che superano i 4000 metri tutto parla di Lei: Margherita, prima Regina d’Italia…

leggi tutto

Castello Gamba e il Parco

L’elegante edificio moderno chiamato Castello Gamba oggi sede della Pinacoteca regionale, fu dimora dell’omonima famiglia e venne fatto costruire nel 1903…

leggi tutto